istockphoto-513316221-612x612 (1).jpg

Fatti interessanti sul tè

Storia
Dalla sua introduzione nel 1903, quando il britannico G.W.L. Caine introdusse il tè in Kenya, il tè non ha mai lasciato il paese dell'Africa orientale. Caine importò cespugli di tè indiani per il loro bell'aspetto e li piantò, a puro scopo decorativo, sulle colline di Limuru. Non avrebbe mai immaginato che questo avrebbe reso il tè una delle esportazioni più importanti del Kenya.

La produzione negli altipiani di Kericho e Nandi aumentò lentamente ma costantemente fino agli anni '50, quando i piccoli agricoltori iniziarono a coltivare il tè su base sperimentale. Fu allora che divenne chiaro che il tè era diventato una parte importante dell'economia keniota. Il Tea Board of Kenya fu istituito per regolare il commercio del tè. Con una costante attenzione alla qualità, il Kenya è diventato uno dei principali produttori di tè del mondo. Il Kenya è ora non solo il più grande produttore di tè africano, ma anche il quinto paese produttore di tè nel mondo.

 

Clima e produzione di tè
Il paese è diviso dall'equatore e ha un clima prevalentemente tropicale. Il clima è largamente influenzato dall'Oceano Indiano e dall'equatore. Oltre a un clima tropicale, il Kenya ha steppe, deserti relativamente piccoli nelle regioni più basse e foreste di montagna nelle regioni più alte. Gran parte del Kenya è climaticamente troppo secca per coltivare il tè. In contrasto con le grandi zone aride, le piantagioni di tè sono situate ad alta quota, con precipitazioni estremamente elevate, anche giornaliere senza siccità, e dove è più fresco. La regione ospita gran parte dell'industria del tè del Kenya.

 

Regioni del tè in Kenya
Le principali zone di coltivazione del tè (Kericho, Limuru, Nandi, ... tra le altre) si trovano negli altipiani kenioti, una zona che varia in altitudine da 1.665 a 3.000 metri, dove i cespugli producono foglie di alta qualità grazie alle precipitazioni eccessive. Anche se il Kenya è generalmente troppo secco per coltivare, le montagne beneficiano dell'aria calda e umida che sale dal lago Vittoria e cade sotto forma di pioggia ad altitudini più elevate. Il tè può essere raccolto tutto l'anno, ma il tè migliore viene raccolto a fine gennaio-inizio febbraio e a luglio.

 

Schiacciare, strappare e arricciare 
Vengono prodotti principalmente tè neri, ma il Kenya produce anche bellissimi tè verdi, gialli e bianchi. La maggior parte del tè viene lavorata con il metodo Crush Tear and Curl (CTC). Nel metodo CTC, il tè viene prima tagliato e poi schiacciato (crush), strappato (tear) e arrotolato (curl) tra due cilindri. Il risultato è una foglia tagliata molto piccola che emana molto colore.

Il tè lavorato in questo modo è popolare per le miscele e viene esportato principalmente in India. Gran Bretagna e Nord America. Le foglie di qualità superiore sono lavorate con metodi tradizionali e sono spesso popolari tè a foglia singola.

 

I Masai amano i tè dolci. Il tè dolce significa benvenuto, e: Sto bene. Si fanno bollire le foglie di tè o la polvere di tè con un po' d'acqua e molto latte e un po' di zucchero. Naturalmente, si può anche lasciare fuori lo zucchero e bere il tè con acqua.